Neurologico

Sclerosi multipla

La sclerosi multipla è una malattia infiammatoria cronica immuno-mediata del sistema nervoso centrale, caratterizzata da una varietà di sintomi che spesso cambiano in intensità e modalità di insorgenza. Oltre ai disturbi immuno-mediati, ci sono anche cambiamenti degenerativi nel sistema nervoso, di cui lo stress ossidativo è considerato un fattore scatenante.

I radicali di ossigeno influenzano la demielinizzazione (distruzione della guaina mielinica che copre le fibre nervose).

In questo contesto, è importante aumentare lo stato antiossidante attraverso la crioterapia Whole Body. La malattia può svilupparsi in episodi, anche con remissione dei sintomi, o progredire cronicamente. Nella sclerosi multipla, è solo possibile trattare i sintomi e non le loro cause. Molti pazienti riferiscono ripetutamente che il freddo ha effetti benefici e che percepiscono un miglioramento del loro stato di salute.

Da questa base, e tenendo conto dell’effetto positivo degli estremi stimoli a freddo sui muscoli spastici, diversi anni fa alcuni centri di terapia del freddo hanno iniziato a trattare la sclerosi multipla con la crioterapia Full Body. Attualmente, le osservazioni cliniche stanno già sottolineando l’effetto positivo del freddo.

I risultati sono i seguenti:

  • Lo stato dopo l’esposizione di tutto il corpo al freddo è descritto come una sensazione piacevole.
  • Il quadro clinico generale è alleviato.
  • Il paziente si sente più produttivo, stanca meno ed è mentalmente più attivo.
  • La spasticità è ridotta e gli esercizi ginnici possono essere eseguiti con maggiore precisione.
  • Migliora le capacità motorie, la deambulazione e la mobilità. I problemi di equilibrio sono ridotti.
  • Il dolore è notevolmente alleviato o scompare. Ciò colpisce principalmente il dolore secondario, causato principalmente da disturbi della postura della colonna vertebrale, contratture muscolari e un cattivo carico delle articolazioni.
  • I pazienti descrivono il loro stato dopo il trattamento a freddo come un significativo aumento della qualità della vita.

È probabile che questi risultati del trattamento siano dovuti alle diverse componenti ed effetti della crioterapia descritta nel suo complesso (influenza sul livello centrale dell’attività, regolazione dell’attività muscolare, inibizione dell’infiammazione, sollievo dal dolore).

L’esperienza ha dimostrato che la crioterapia Full Body deve essere applicata due volte l’anno per un periodo di due o tre settimane con due sessioni giornaliere, principalmente in combinazione con esercizi ginnici che affrontano individualmente i singoli sintomi, questa sequenza è raccomandata dopo aver verificato che il miglioramento dello stato di salute sia linearmente correlato alla durata del trattamento, cioè da due a tre settimane. Anche se i trattamenti a freddo più brevi mostrano già buoni risultati, dobbiamo tenere a mente che non offrono tutto il loro potenziale. È necessario continuare altri trattamenti precedentemente programmati, qualsiasi cambiamento, se del caso, dovrebbe essere fatto solo dopo aver consultato il medico responsabile.

È particolarmente importante determinare la singola dose necessaria e tollerata dalla crioterapia Full Body, tenendo conto della capacità di rispondere agli stimoli estremi. Ciò richiede una cooperazione aperta delle parti interessate. Occorre garantire che, man mano che le condizioni del paziente migliorano, il carico fisico non superi il campo del benessere. La sorprendente riduzione dei sintomi durante il trattamento potrebbe, purtroppo, indurre il paziente a produrre eccessi.

 

Equilibrio e coordinazione del movimento

L’equilibrio fisico e la coordinazione dei movimenti sono strettamente correlati, dal punto di vista nervoso.

L’organo di equilibrio situato nell’orecchio interno (organo vestibolare) può solo determinare la posizione del corpo nello spazio. Al fine di percepire la posizione di tutto il corpo e le sue singole parti nello spazio, è necessario ottenere maggiori informazioni, che saranno unite nel sistema nervoso centrale con le informazioni ricevute dall’apparato vestibolare.

Questa seconda parte delle informazioni proviene dall’organo visivo e dalla sensibilità dell’interno del corpo, la cosiddetta propriocezione. Successivamente, spieghiamo brevemente questa propriocezione e in che modo gli stimoli freddi lo influenzano.
I sensori che rispondono agli stimoli corrispondenti dalla “profondità” del corpo si trovano nei muscoli e nei tendini, nelle strutture articolari e anche nella pelle.

La propriocezione ci dà le informazioni nervose sulla posizione e il movimento del corpo e degli arti, così come la quantità di forza che i muscoli devono applicare per assumere o mantenere quella posizione. Un corretto flusso d’informazione (cioè non disturbato) di tutte le parti della propriocezione è un prerequisito indispensabile per l’innervazione precisa dei gruppi muscolari coinvolti nella coordinazione dei movimenti.

Possono esserci diverse forme di alterazione della propriocezione (cambiamenti patologici nei loro schemi afferenti):

  • Limitazioni del movimento articolare causate da infiammazione, dolore e alterazioni degenerative.
  • Lesioni articolari.
  • Caricamento inappropriato delle strutture articolari o anche del sistema scheletrico.
  • Carico inappropriato di muscoli e gruppi muscolari, debolezza muscolare e indurimento dei muscoli, accorciamento muscolare e squilibri muscolari.
  • Disturbi d’innervazione di muscoli con cambiamento nel loro stato di tensione.
    Immobilizzazione di parti del corpo o di tutto il corpo.
  • Immobilizzazione di parti del corpo o di tutto il corpo.

Una delle principali applicazioni del freddo è che può essere utilizzata terapeuticamente nei disturbi della propriocezione con una successiva alterazione della capacità di coordinazione. Questa influenza principale agisce sulla cosiddetta inibizione afferente, che si riferisce alla reciproca influenza dei diversi sistemi afferenti. Inoltre, il freddo influenza secondariamente i sistemi disturbati e li modula in una certa misura. Ciò avviene attraverso l’inibizione dell’infiammazione, l’eliminazione del dolore, la riduzione dell’edema e la regolazione dell’innervazione muscolare. Queste rotte aiutano a prevenire che diventi un danno cronico e compaiano danni secondari. In questo caso si può anche dire: la crioterapia Whole Body non risolve i disturbi dell’equilibrio e della coordinazione, ma migliora le condizioni per partecipare a programmi di esercizi attivi.