Immunologici

Fibromialgia

Spesso, le persone con fibromialgia trovano che l’approccio terapeutico in ogni caso dipende in larga misura il parere del proprio medico circa la causa del disturbo, infatti, ancora non si sa abbastanza la ragione per la comparsa di fibromialgia, e tentativi di spiegare le cause patogene sono ancora troppo incoerenti per trattare i pazienti in modo uniforme e una causa esistente, purtroppo, questo fatto porta a cambiare medico spesso molto dannosi per la terapia avere successo, inoltre, i pazienti non sempre credono che gran parte del potenziale terapeutico richiesto sia nelle loro mani.
Per valutare la rilevanza terapeutica del freddo, si presume che la fibromialgia sia principalmente correlata a un disturbo da stress e gestione del dolore caratterizzato da:

● Sviluppo cronico
● Dolori a intensità variabile distribuiti in tutto il corpo.
● Una varietà di disturbi vegetativi, funzionali e mentali (non obbligatori).

Principali sintomi della fibromialgia

● Dolore muscoloscheletrico spontaneo, della durata di almeno tre mesi, localizzato vicino al tronco e periarticolare con una soglia del dolore ridotta.
● Aumento generale della sensibilità dei tessuti molli.
● Diminuzione della capacità psicofisica.
● Affaticamento rapido.
● Disturbi del sonno.
● Sensazione di gonfiore nelle parti molli e nelle articolazioni.
● Mal di testa.
● Stati d’animo depressi e stati d’ansia occasionali.
● Riduzione della tolleranza allo stress.

sintomas fibromialgia

Il trattamento della fibromialgia persegue sempre un approccio multimodale, con una serie di componenti che non devono essere dimenticati nell’applicazione della crioterapia a corpo pieno, tra gli altri:

  • Chiarimento / terapia delle possibili cause di tipo somatico o psicosociale.
  • Terapia fisica.
  • Attività moderata.
  • Terapie di rilassamento.
  • Terapie per superare il dolore e lo stress.
  • Trattamento farmacologico.

La crioterapia di tutto il corpo è stata usata con successo per qualche tempo nel trattamento della fibromialgia, ma dovrebbe essere applicata solo se il paziente lo tollera e le sue condizioni generali non ne soffrono. Tuttavia, ci sono spesso pregiudizi soggettivi contro il freddo terapeutico, che sono spiegati da precedenti trattamenti termici, tuttavia, di solito cambiano idea dopo una sessione di test.
La chiara superiorità della crioterapia Whole Body può essere oggettivamente dimostrata contro i trattamenti termici (con metodi come la misurazione del dolore), rispetto al sintomo principale della fibromialgia; dolore cronico
In primo piano, naturalmente, troviamo il dolore dei tessuti molli, spesso molto gravi, e la crescente tendenza alla fatica dei muscoli, il risultato sono restrizioni alla mobilità delle articolazioni, con venti a trenta esposizione al freddo può essere raggiunto miglioramenti significativi di questi sintomi. Il tasso di successo è compreso tra il 40% e l’80%, con differenze graduali riguardo al possibile sviluppo di una memoria del dolore. Nell’interesse del successo del trattamento sostenibile, dovrebbe, per quanto possibile, combinare la crioterapia del corpo intero con i trattamenti di attivazione. Nel periodo delle tre ore successive alla sessione a freddo, si raccomanda di eseguire esercizi ginnici con un lento aumento dell’attività fisica e assicurandosi che non causino dolore. La tensione e lo stiramento dei muscoli non dovrebbero essere sostenuti troppo a lungo. Tieni presente che dolore e tensione possono influenzare i gruppi muscolari in diversi gradi. Spesso, il risultato è che viene adottata una postura cauta con questi gruppi muscolari, ma altri sono forzati. L’obiettivo della ginnastica è bilanciare queste differenze. Un esercizio di resistenza moderata e controllata in grado di completare il programma di movimento terapeutico, la cosa importante è trovare la misura stessa e non cercare di strafare “esercizi concorrenza” fatica rispettato e registrare l’incremento delle prestazioni senza dolore e benvenuto con gioia Come abbiamo visto, la crioterapia Whole Body può aiutarci a regolare il livello di attività centrale colpita, questo effetto influenza positivamente i disturbi del sonno che spesso accompagnano la malattia e gli stati depressivi osservati occasionalmente. Entrambi, disturbi del sonno e stati d’animo depressivi, spesso hanno origine nel dolore cronico. Grazie alla riduzione (o eliminazione) del dolore e all’effetto equilibrante del freddo, è possibile ottenere una buona dormita in pochi giorni di trattamento. Gli effetti della combinazione della crioterapia Full Body con il rilassamento muscolare progressivo di Jacobson sono stati dimostrati, poiché attraverso questo e l’interazione con l’equilibrio dell’anima risultante, si può imparare ad apprezzare gli stati di tensione e rilassamento di i muscoli
Il forte stimolo del freddo applicato a tutto il corpo, ha un effetto regolatore dello stato di tensione dei vasi sanguigni nei capillari della pelle, e in combinazione con un’attività fisica adattata alla capacità di ciascun paziente, aiuta a limitare le alterazioni di regolamento e migliorare l’umore.
È anche probabile che l’aumento dell’irrigazione dei muscoli, descritto dopo l’esposizione di tutto il corpo al freddo, contribuisca alla regolazione del metabolismo nella muscolatura e, quindi, alla riduzione del disagio.
Infine, secondo uno studio medico condotto presso il Policlinico di Meprysa, approvato dal Dr. Armando Fernández Sánchez su 13 pazienti affetti da fibromialgia, sono state raggiunte le seguenti conclusioni sperimentali:

  • Effetti sul sistema simpatico: dalla prima sessione i pazienti hanno notato un aumento del loro senso di benessere, sentendosi meno depressi e più attivi. Dicono che questo effetto antidepressivo e rinvigorente è molto evidente nella vita personale e familiare. Alcuni pazienti commentano di essere stati in grado di svolgere attività sportive e sociali che in precedenza avevano evitato.
  • Effetti a livello psicopatico: i pazienti stessi riferiscono il miglioramento del loro benessere mentale con il trattamento. Dopo le sessioni, commentano di provare un certo senso di euforia.
  • Effetti a livello motorio: mostrano maggiore mobilità e attività fisica. Dicono di aver sentito meno dolore e spasmi muscolari.
  • Effetti a livello dermatologico: dalla terza sessione, presentano un aspetto migliore della pelle.
  • Effetti generali: si riferiscono alla necessità di meno farmaci, come analgesici e antinfiammatori..

In conclusione, si può affermare che il miglioramento è più rapido e maggiore, rimuovendo gli scoppi in quei pazienti che hanno eseguito più sessioni e più seguiti nel tempo.
D’altra parte, l’opinione generale dei pazienti riguardo alla Crioterapia Full Body è che all’interno delle diverse terapie alternative che hanno provato (unità del dolore, agopuntura, …) questo è il più soddisfacente ed efficace.

 

Disturbi infiammatori immuno-mediati

I disordini immuno-mediati infiammatori sono quelli per i quali i processi autoimmuni sono stati identificati come una causa comprovata della malattia. L’esperienza in crioterapia comprende un gran numero di disturbi di questo tipo come i seguenti: artrite reumatoide, spondilite anchilosante, psoriasi, con o senza artrite e sclerosi multipla.

Qual è la causa di queste malattie?

Il sistema immunitario, in determinate condizioni fisiologiche, (con le sue cellule altamente specializzate e proteine, citochine) rilevando fattori dannosi, sviluppa importanti funzioni di protezione per l’organismo umano, difendendone il corpo e distruggendole attraverso l’infiammazione acuta.

Il potenziale di riconoscimento sorge nello sviluppo embrionale, per “allenarsi” dopo costantemente durante la vita attraverso scontri con vari agenti patogeni e diventare così una difesa efficace. Tuttavia, apparentemente, potrebbe smettere di funzionare correttamente per ragioni primarie (endogene) o secondarie (acquisite), perdendo così una parte di queste proprietà specifiche, vale a dire la cosiddetta tolleranza immunitaria (non attaccando le strutture dei tessuti stessi). del corpo) e appaiono reazioni immunitarie autoaggressive che si manifestano in una infiammazione primaria cronica che distrugge i tessuti. La ragione di questo fenomeno è ancora in gran parte sconosciuta, tuttavia, la ricerca genetica sembra aver perso sempre più luce in questa “oscurità immunologica”. In questo contesto, è stato recentemente scoperto che i difetti del cromosoma n. 6 sono responsabili dello sviluppo di malattie autoimmuni, tra cui l’artrite reumatoide e la sclerosi multipla. Inoltre, sul cromosoma 16 è stato trovato un gene di rischio per il morbo di Crohn, una malattia infiammatoria cronica intestinale che si basa anche sull’autolesionismo.
Anche se le malattie autoimmuni sono malattie sistemiche, cioè, che interessano l’intero corpo generalmente, hanno anche molto specifiche “organi bersaglio” regioni del corpo che li riguardano e manifesta specificamente, elencate di seguito:

  • Le articolazioni nell’artrite reumatoide.
  • La colonna vertebrale, principalmente, nella spondilite anchilosante.
  • Il sistema nervoso centrale nella sclerosi multipla.
  • La pelle (e le articolazioni) nella psoriasi (con artrite).
  • L’intestino nella malattia di Crohn.

La citochina TNF-α (fattore di necrosi tumorale alfa) svolge un ruolo di primo piano in questi processi. sovrapproduzione di questa proteina dalle cellule del sistema immunitario innesca una reazione a catena di processi infiammatori, è incoraggiato autoaggressive funzione delle cellule immunitarie, vengono rilasciati e nuove citochine proinfiammatorie e le pareti dei vasi sanguigni vengono attivati ​​è diventano permeabili alle cellule immunitarie aggressive, che quindi entrano nella zona target o “organo bersaglio”. Queste scoperte immunologiche, in particolare la scoperta dell’effetto distruttivo del TNF-α, hanno permesso lo sviluppo di trattamenti altamente efficaci.

 

Artrite Reumatoide

I processi patologici in questa malattia autoimmune compaiono principalmente nelle articolazioni (infiammazione della membrana che copre la capsula articolare, distruzione della cartilagine e delle strutture ossee). Anche se ultimamente stata in grado di adottare nuovi principi nella terapia di questa malattia (blocco del TNF-α) trattamento richiede ancora una procedura complessa, dal momento che l’artrite reumatoide è fondamentalmente una malattia sistemica che indebolisce l’intero organismo, in modo , terapia farmacologica o chirurgica o, se del caso, kinesioterapia, terapia fisica (applicazioni di calore o freddo) e anche cure psicologiche dovrebbero essere collegate alle strategie di gestione personale dei pazienti e coordinarsi tra loro.

Esiste un’eccellente ed ampia bibliografia su questo argomento pubblicata dalle organizzazioni di auto-aiuto corrispondenti.

L’artrite reumatoide è una malattia progressiva cronica la cui cura non è ancora possibile nonostante tutti i progressi terapeutici. Pertanto, l’obiettivo del trattamento è quello di ottenere una diminuzione dell’intensità della malattia per arrestare o ritardare la sua progressione.

La crioterapia di tutto il corpo dovrebbe essere intesa in questo contesto come una fisioterapia additiva, che può aiutare a raggiungere l’obiettivo del trattamento se applicato coerentemente. In linea di principio, non intende sostituire altri trattamenti comprovati, anche se, come dimostrato da esperienze e studi, spesso consente di ridurre il consumo di farmaci.

La crioterapia completa dovrebbe essere applicata nell’ambito di un trattamento clinico (con ammissione al centro) con sessioni; due volte al giorno, o tre in processi ad alta attività, per un periodo ottimale di 2-3 settimane e l’esecuzione di valutazioni mediche del progresso del trattamento a intervalli di due o tre giorni.

Tuttavia, una media di 10-15 sedute di esposizione al freddo sono sufficienti, anche con un alto grado di attività infiammatoria della malattia, per fornire sollievo dai sintomi in termini di riduzione del dolore e limitazioni di movimento. La manifestazione clinica è ridotta e il processo dell’attività infiammatoria è invertito.

In nessun caso le attività di movimento terapeutico devono essere abbandonate durante la crioterapia. Esercizio migliora la distribuzione del liquido sinoviale e di nutrienti della cartilagine articolare, contrastando in tal modo atrofia muscolare causata da inattività che causano danno secondario, per esempio nello scheletro.

Sulla base di studi nel campo dei trattamenti clinici acuti, della riabilitazione e delle cure terapeutiche, si può affermare che la crioterapia Whole Body consente i seguenti progressi:

  • Miglioramento dello stato di salute.
  • Riduzione e soppressione del dolore, nonché diminuzione di altri segni di infiammazione, come gonfiore e riscaldamento.
  • Miglioramento della mobilità generale e della funzione articolare in oltre il 60% dei pazienti.
  • Riduzione dei farmaci (corticosteroidi e antinfiammatori) tra il 35% e il 40% dei pazienti.

Gli effetti della terapia rimangono rilevabili per un periodo compreso tra tre e sei mesi dopo il suo completamento.

Il sollievo dal dolore può essere mantenuto aumentando la durata della sessione di trattamento. Il miglioramento della mobilità articolare mostra un effetto a lungo termine.